Convittori e Convittrici

Il settore Convitto apre le attività la prima settimana di settembre per accogliere i convittori dal giorno in cui aprono le scuole, e chiude il 30 giugno, con la possibilità di aprire per accogliere i maturandi durante le prove d’esame.

L’organizzazione prevede di creare un ambiente stimolante e accogliente atto a favorire un sano approccio allo studio.

Tre sono gli aspetti su cui si fonda l’operato educativo:

  • lo sviluppo della consapevolezza di sé
  • la partecipazione attiva alla vita sociale della scuola e alla convivenza democratica
  • lo sviluppo della disponibilità ad apprendere

Attraverso lo sviluppo della consapevolezza di sé,i ragazzi e e le ragazze  saranno stimolati ad avere cura di se stessi e delle proprie cose e ad avere autonomia nella vita scolastica ed extrascolastica.

Si favorirà l’espressione della personalità, l’individuazione e l’accettazione delle proprie capacità, l’accettazione dell’aiuto e della collaborazione dei compagni, la responsabilità delle proprie azioni.

Attraverso la partecipazione attiva della vita convittuale verrà favorita la disponibilità a prestare senza difficoltà le proprie cose e la disponibilità alla cura e al rispetto degli oggetti altrui; la capacità di intervenire nelle discussioni rispettando le opinioni degli altri, accettando le decisioni della maggioranza.

Il rispetto delle regole del Convitto, degli ambienti, delle aule comuni, degli spazi condivisi è un obiettivo fondamentale per la riuscita di una convivenza serena.

Saranno favoriti i rapporti di amicizia e di collaborazione tra compagni e con gli adulti nel rispetto delle diversità, stimolando ad essere sensibili, tolleranti e pazienti.

Un ambiente sereno e stimolante favorirà l’interesse alle attività scolastiche, la capacità di portare a termine il proprio lavoro con ordine e nel tempo stabilito.

Attraverso l’assunzione di responsabilità si cercherà di impostare un metodo di studio, di orientare verso scelte per il futuro, di innestare la capacità di individuare in ogni lavoro gli elementi essenziali.

I convittori e le convittrici, pur essendo divisi in due gruppi distinti, condividono alcuni momenti significativi della vita convittuale, quali i pasti, studio in comune, attività e progetti. Pur essendo lo studio l’aspetto principale dell’attività del convitto, non vengono dimenticati dunque gli altri aspetti fondanti lo sviluppo armonico della personalità degli adolescenti a noi affidati.

L’amore, la cura, la costanza dei rapporti umani posti in essere genera fiducia verso l’equipe educativa che diventa punto di incontro, di confronto costruttivo di riferimento per affrontare le difficoltà che quotidianamente ci si trova dinnanzi.

Il Convitto è un luogo dove si studia e ci si misura con la realtà quotidiana.

Saranno previste, come di consueto, le cene di Natale, di Pasqua e pizzata di fine anno , come momenti di particolare condivisione e di festa.  Inoltre si prevede di recarsi allo Stadio Sant’Elia per vedere le partite del Cagliari Calcio, pizzate, uscite al cinema e teatro ed eventuali iniziative offerte dal territorio.