Licei

Stamattina le classi di Liceo II^A, IV^D e V^D del Convitto Nazionale, accompagnati dai Docenti Vacca, Meloni, Marcello, Puddu e l’Educatrice Sorgia, hanno partecipato con grande interesse e coinvolgimento allo spettacolo “Enigma Turing” della compagnia Teatro Impossibile, allestito dal circuito Cedac presso l’Auditorium dell’Istituto.

In questo spettacolo è stata raccontata la vita di Alan Turing, le tumultuose vicende della sua esistenza e gli straordinari successi come scienziato.

"Era un uomo eccentrico e piuttosto stravagante: amava lo sport (cosa incomprensibile agli altri intellettuali dellepoca), più volte lo si è visto andare in bicicletta con la maschera antigas per proteggersi dal polline, o giocare a tennis con indosso solo un impermeabile; e ancora: gettava nel cestino le lettere della madre senza neppure aprirle, legava, per paura che gli venisse rubata, la tazza da tè al termosifone con un lucchetto, portava la giacca del pigiama al posto della camicia, e, di fronte ad una conversazione che ritenesse vuota e insensata, reagiva semplicemente andandosene, senza una parola e lasciando di stucco gli interlocutori; ormai adulto imparò a fare la maglia, aiutato in questo da una giovane che, malgrado la propria omosessualità, aveva deciso di sposare”.

Turing elaborò e costruì una macchina detta “Bomba”, per decifrare Enigma, la macchina utilizzata dai tedeschi per criptare le proprie comunicazioni durante la seconda guerra mondiale.

I ringraziamenti vanno al Prof. Gavino Piga e all’Educatrice Marcella Sorgia che hanno organizzato l’evento.